Ricette natalizie impopolari. E fattela una risata. Non sono vegano ma

Visto che l’altra sera stavamo parlando con Francesca, Stefano e Gianpiero del fatto che il seitan non sa di un caxxo se non lo sai cucinare, e visto che mi hanno regalato per l’appunto quattro pacchi di seitan (da consumare subito praticamente perché sono in scadenza), ne ho utilizzati due per sperimentare due bislacche e impopolari ricette che però rendono giustizia secondo me all’esistenza e alle possibilità del seitan. Ricette come sempre interculturali, naturalmente. Le dedico per l’occasione a* mie* compagni/e di avventura del Leitmotiv 13, l’uscita discografica che ha cambiato il volto del 2013 prima ancora che esso inizi!! 

https://www.facebook.com/Leitmotiv13
http://leitmotiv13.wordpress.com/

(da un post facebook di Gianluca Ricciato del 24 dicembre 2012)

Continua a leggere “Ricette natalizie impopolari. E fattela una risata. Non sono vegano ma”

Vegetariano? 15 domande x 15 anni

15 anni fa, durante le vacanze di Pasqua del 2003 e dopo un lungo periodo di trasformazione dei miei pensieri e delle mie opere, ho deciso di diventare ufficialmente vegetariano. Per festeggiare questo evento ho deciso di dare luce e visibilità oggi a 15 domande ricorrenti, selezionate tra le tante che mi sono sentito rivolgere in questi 15 anni e che mi hanno aiutato a temprare il mio spirito nonviolento. Eccole. Continua a leggere “Vegetariano? 15 domande x 15 anni”

Quante storie dentro un piatto di fave e cicorie

fave-e-cicorie

Questioni di cibo, sesso, genere, cucina, campagna, femminismo e patriarcato
Introduzione al Progetto Salento Bio Veg

Mi sono reso conto da un po’ di tempo che alcuni di noi maschi del Sud abbiamo un rapporto particolare con la cucina, un rapporto che mi verrebbe da definire salvifico. Ho molti esempi che mi fanno dire questo, mi viene in mente il noto Dj Don Pasta, “salentino fuggitivo” come si definisce, con i suoi progetti di musica e cucina, oppure alcuni miei amici con cui condividevo infiniti e complessi banchetti negli anni universitari e che ora sono impiegati con successo nelle cucine di mezza Europa.

Probabilmente, rispetto alle nostre coetanee e conterranee, noi non abbiamo vissuto il cucinare e lo stare davanti ai fornelli con quel senso di nausea che deriva dall’imposizione di dover fare qualcosa per tradizione, perché la storia delle mamme, delle nonne e via di lì ti costringe ad un compito, a prescindere dal fatto che ti piaccia o che tu ne sia capace. Solo perché tu fai parte di un genere che storicamente ha quella funzione sociale. Spesso, non so se a torto o a ragione, il ribellarsi a questa imposizione di genere si porta appresso il rifiuto del lavoro di cura in generale. Io so che mi sono ribellato ad un’altra imposizione di genere, opposta e complementare a questa: quella che vedeva noi maschi ordinare alle mamme e alle sorelle di farci da mangiare e di prendersi cura di noi. Continua a leggere “Quante storie dentro un piatto di fave e cicorie”