Riprendiamoci l’umanità

Se non si era capito finora, questo è un blog devoto agli Almamegretta e ostile al golpe globale neoliberista che sta divorando terra e libertà, e questo spiega anche il perché le Fiabe Atroci siano favorevoli alla realtà e contrarie all’attualità, amanti dei sensi e dell’intelligenza sensibile e stanche dei razionalismi ottusi e del pragmatismo economicista e scientista
Tienimi la mano se po’ fa’
Riprendiamoci l’umanità
Buon 2018 

Continua a leggere “Riprendiamoci l’umanità”

Annunci

Notte di Natale


focare aradeo
Notte di sogni misteriosi ancestrali arcaici premoderni, rigettati e ritornanti ogni anno nei giorni corti del solstizio d’inverno

Notti cupe e lunghe di cuccuvace ululanti nascoste nelle case abbandonate

Notti di muschi che avanzano umidi sulle lamie e sui cigli delle strade fino ai presepi appoggiati sui muri bianchi e fuligginosi

Notti di panni stesi sulle lamie e riportati dentro per non prendere l’umido

Notti secche come le montagne e umide come le campagne

Notti di fuochi nella notte e di ritrovi ciclici con le stesse persone le persone di sempre quelle che sanno tutto di te Continua a leggere “Notte di Natale”

Sto partendo adesso in macchina da casa verso Sant’Andrea il Babilonia…

con la partecipazione di:

Luigi Abaterusso
Tiziana De Mitri
Elena Marchesoni
Gianluca Ricciato

da un’illuminante idea di: Luigi Abaterusso

tagliato e cucito da: Gianluca Ricciato

girato a Sant’Andrea – Melendugno e Galatina (Le)
Febbraio 2013

Municeddhra Productions

***

“BABILONIA”

Testo: Gianluca Ricciato
Musica: “Take Five” (Paul Desmond) – King Tubby dub version

DSCN0642

Continua a leggere “Sto partendo adesso in macchina da casa verso Sant’Andrea il Babilonia…”

BABILONIA

BABILONIA

Sto partendo adesso in macchina, da casa, verso Sant’Andrea, il Babilonia, sto andando a celebrare un rito, il rito del San Lorenzo al Babilonia, più che un rito un mito, nato vent’anni fa.

Il Babilonia è a Torre Sant’Andrea, un villaggetto sull’Adriatico, dieci kilometri a nord di Otranto, che cinquant’anni fa ospitava solo le casette e le barche dei pescatori.

Poi, circa trent’anni dopo, i figli di quei pescatori, o i loro coetanei, o chi per loro, hanno deciso di eleggere questa piccola caletta a regno della scena reggae salentina, tempio dell’underground mediterraneo. Continua a leggere “BABILONIA”