Tondelli. Il vissuto personale come fonte di conoscenza

1450647.jpg

Oggi sono 25 anni che non c’è più Pier Vittorio Tondelli. Voglio ricordarlo con un piccolo pezzo che fece parte di una mia lunga ricerca, che poi diventò la mia tesi di laurea. Giusto per restituire un po’ delle cose di cui sono debitore, in primo luogo perché mi hanno insegnato ad essere libero…o almeno ci hanno provato. Gianluca

Continua a leggere “Tondelli. Il vissuto personale come fonte di conoscenza”

La metafora, la guerra, la danza

E se un giorno ci accorgessimo che la bottiglia non ha veramente un collo, il tavolo non ha le gambe su cui infilare i pantaloni, il sangue non circola ma segue traiettorie più complicate, che tutto il nostro linguaggio quotidiano si è appiattitto su una serie di astrazioni e semplificazioni che ci fanno perdere il senso della realtà? Sapremmo scoprire dove si trova il meccanismo per uscirne fuori, per riconoscere il rapporto tra le parole e le cose? Cosa ha a che fare tutto questo con una materialità che scompare sempre di più, capacità relazionali comprese, e con un potere sempre più immateriale e apparentemente neutrale? 

LAKOFF JOHNSON COVER

Continua a leggere “La metafora, la guerra, la danza”

L’uomo che portò la fisica al capolinea della ragione occidentale

rete della vita

Articolo scritto per le scor-date del Blog di Daniele Barbieri e altr*,

originariamente pubblicato l’1 febbraio 2012 qui

****************************

«Tutte le volte che la natura essenziale delle cose è analizzata dall’intelletto, essa non può non apparire assurda e paradossale. Ciò è sempre stato riconosciuto dai mistici, ma solo recentemente è divenuto un problema interno alla scienza». (Fritjof Capra, «Il Tao della fisica»1)

Compie 74 anni Fritjof Capra, un pensatore ai limiti del linguaggio e della logica, per come noi occidentali siamo abituati a pensare questi due termini. Non è facile parlare di Capra in un breve spazio ma ci proverò. Non mi è facile perché molte cose della mia vita sono passate attraverso i suoi testi, e viceversa, molti suoi testi hanno «illuminato», come direbbe lui, molte esperienza importanti della mia vita. In un andirivieni tra pensiero e realtà, tra parole e cose, che è il nucleo centrale della sua testimonianza di «fisico mistico».

Già dire chi sia Capra è difficile. E’ un professore universitario, studioso di fisica dei sistemi. E’ un pedagogista, propugnatore dell’educazione sostenibile e fondatore del Center For Ecoliteracy2 di Berkeley, in California. È un filosofo che ha portato fino in fondo le conseguenze dei suoi studi scientifici e ha inventato, o forse ha solo scoperto, un ponte fra l’antico pensiero mistico orientale e la fisica moderna post-newtoniana, quella cioè che prende le mosse dalle scoperte della meccanica quantistica e dalla teoria della relatività di Einstein. È un saggista e pensatore politico, che ha messo in connessione i limiti della logica occidentale con la crisi di civiltà che stiamo affrontando – crisi ecologica, sociale, economica, esistenziale.

Continua a leggere “L’uomo che portò la fisica al capolinea della ragione occidentale”